giovedì 29 settembre 2011

Le Chat Noir 1


Immagina un caffè in puro stile Luigi XII. I gentiluomini bevono assenzio e i borghesi hypocras. Ci troviamo ai piedi della butte di Montmartre, sulla rive droite. È il 1894. Con un poco di fortuna, sedendoci ad uno dei tavoli del locale, incontriamo Verlaine, Signac e, perchè no, Debussy. Siamo nel luogo - simbolo della Bohème, nella taverna di tutto un quartiere di imbrattatele e di poeti. Il museo delle elucubrazioni degli scapigliati. Ci vuole un poco di fantasia - lo so - ma immagina di trovarti lì. Pensa ad una manciata di missionari francesi che ti intrattengono con il teatro delle ombre. Assapora il gusto dell'anice o dei chiodi di garofano, mandalo giù - da bravo - un poco alla volta. Fatto? Bene, ora,  porta la mente ad una serata di fine gennaio. Il freddo tagliente lungo le strade di Montmartre, la Sacré-Coeur che spicca in cielo come una vetta innevata, tu all'interno di Le Chat Noir. Ehi, non farti distrarre dagli schizzi del vecchio Caran d'Ache! Non ti ho portato tanto lontano per farti divertire, sei qui per conoscere la storia di Adèle e Briac. Cosa sai di loro? Niente? Rimedio io. Quel che ti serve conoscere di Briac è la sua professione. Briac è uno scrittore o, almeno, questo è quello che vorrebbe diventare. Come tutti gli uomini di carta e inchiostro, ha un'anima tormentata e un poco egocentrica. La Terra gira attorno al Sole che gira attorno a Briac, detta in due parole. E Briac ha tutti i problemi del mondo e le afflizioni dell'universo. Compreso un amore non corrisposto, quello per Adèle. Adèle - questo ti farà capire perchè siamo qui - è la star di Le Chat Noir. (.....)



15 commenti:

  1. sì, ma poi?...aspetto con trepidazione le chat noir 2.

    RispondiElimina
  2. io ci sto impazzendo dentro qua da te. seguo fisso ora.

    RispondiElimina
  3. @ Fog: Posto i racconti a puntate solo per sentirmi dire questo...ahahah...

    RispondiElimina
  4. @ Dr: Segui fisso? Mi sentivo pedinata, infatti...

    RispondiElimina
  5. L'inizio è da film, ti porta, come dire, dentro la scena. Bello. :)

    Una domanda da newbie dell'ambiente vittoriano: cos'è l'hypocras?

    7

    RispondiElimina
  6. @ Piedi Alati: Ti ringrazio! Con questa estate che sembra non voler finire mai, se ne sente il bisogno... :)

    RispondiElimina
  7. @ 7: Grazie! L’hypocras è un vino con zucchero e chiodi di garofano.

    RispondiElimina
  8. Un grande applauso...
    Da standing ovation.

    RispondiElimina
  9. son passato a prenderti che l'aereo parte da tre ore e sydney ci aspetta.

    RispondiElimina
  10. @ MaiMaturo: Una standing ovation tutta per me? Oddio, sono commossa... :))

    RispondiElimina
  11. Si, ma al ritorno niente volo 815!

    RispondiElimina
  12. io sto ancora aspettando la seconda parte...

    RispondiElimina

Pace, amore ed empatia.