venerdì 14 ottobre 2011

Voglio bere vitamine russe stesa sul pavimento del cesso. Recitare preghiere in cui Amen fa rima con Prosit. Piangere leggendo Sylvia Plath e masturbarmi guardando Twin Peaks. Usare doppisensi con ingenuità. Vincere a Monopoly e finanziare Phantasmagoria. Resuscitare il mio pesciolino rosso e moltiplicarlo all'infinito. Sedurre il mio amico immaginario e giocare al gioco del silenzio con un mimo di strada. Sapere che qualcuno si prenderà cura di me, oggi e per sempre. E voglio un salvagente perchè temo che la mia anima finirà per affogare in un corpo fatto all'ottanta per cento d'acqua.
....
Dimenticavo: voglio che la foto sulla mia tomba sia un autoscatto. La gente deve sapere che opinione avevo della sottoscritta.

43 commenti:

  1. gonfio il salvagente finche' mi basta il fiato, o vuoi fare da te anche questo?

    RispondiElimina
  2. Mi piacerebbe essere un filtro magico delle illustrazioni di Ulrich Molitor. Essere una storia vera di cetacei e baci fra marziani, centinaia di passi e capelli. Essere la macchina da scrivere-scarafaggio di “Naket Lunch”. Essere un pupazzo grottesco creato da femmine, in case colorate piene di gatti e accendini dipinti.Invece a volte mi sento solo uno schizzo breve, un appunto sul frigo, il bordo del bicchiere.

    RispondiElimina
  3. sto leggendo 'la campana di vetro' della Plath. Mi preparo a piangere.

    RispondiElimina
  4. la campana di vetro è un bel romanzo, ma non fa piangere, o almeno credo, piedi alati..e le sue poesie mi hanno fatta sopravvivere più che piangere...le sue parole mi hanno fatto capire che non ero sola e che da tutto questo dolore possono uscire solo cose divine...

    il tuo blog è bellissimo sofia!

    RispondiElimina
  5. tutta roba che casca o si rompe, insomma.

    RispondiElimina
  6. @ alpexex: Gonfieresti tu tutto il salvagente? No, facciamo che metà lo gonfi tu, metà lo gonfio io.

    RispondiElimina
  7. @ Emma: Tu sei la mia testa fatta meglio! Ecco che sei.
    Ti leggo da poco, ma mi sento in sintonia con te.

    RispondiElimina
  8. @ Piedi Alati: Ha ragione Sunshine, "La campana di vetro" è una bellissima lettura, ma non fa piangere.
    Se vuoi, però, un fazzolettino te lo passo lo stesso...
    Ce li ho profumati alla lavanda!

    RispondiElimina
  9. @ Sunshine: Per me Sylvia Plath è tanti ricordi. La leggevo, tra i banchi di scuola, insieme ad una persona molto importante. Ci prendevamo per culo a vicenda perchè, all'epoca, entrambi non leggevamo/ascoltavamo nessuno che non si fosse suicidato. (Sylvia Plath, Virginia Woolf, Ian Curtis, Kurt Cobain) Chi finisce per prendere quell'uscita d'emergenza racconta le cose in modo speciale...

    RispondiElimina
  10. pure io leggevo o ascoltavo roba di gente che poi scoprivo aveva fatto una brutta fine. un'altra che mi piaceva è anne sexton.

    però dai non male i tuoi "sfoghi visionari" :)

    RispondiElimina
  11. Che fiori mettiamo?

    RispondiElimina
  12. Voglio bere birra calda spalmato sul pavimento del soggiorno, e non recitare alcuna preghiera. Voglio ridere leggendo Cèline, finanziare il remake di Deep Throat e masturbarmi con il sottofondo di Elvis Costello. E quando muoio, voglio bruciare insieme a tutti gli alberi di Natale.

    RispondiElimina
  13. @ Fred: Si, anche lei è meravigliosa...

    Beh...grazie! "Sfoghi visionari"...mi sembra proprio l'espressione giusta.

    RispondiElimina
  14. @ Fulvio: Adesso che so che vorresti finanziare il remake di Deep Throat, mi è venuta voglia di sposarti.
    Bruciare insieme a tutti gli alberi di Natale? Che figata! Sai che io non lo smonto mai l'albero di Natale? Mi mette allegria avercelo su tutto l'anno...

    RispondiElimina
  15. Potrei anche crederti.. Io l'albero non l'ho mai fatto.

    RispondiElimina
  16. ''Lady Lazarus e altre poesie'' è l'unico libro che non si muove mai dal mio comodino,nonostante tutti gli altri libri che inevitabilmente ci si accumulano/spariscono/sposto.

    anche a me servirebbe un salvagente. o,in alternativa,andrebbe anche bene se tutta l'acqua in eccesso che ci soffoca si prosciugasse.

    grazie,a me piace qui :)

    RispondiElimina
  17. e l'altra mezza mela?
    mi piace come scrivi.

    RispondiElimina
  18. @ Fulvio: Potresti anche credere che mi è venuta voglia di sposarti o che io non smonto mai l'albero di Natale? No, perchè che vorrei sposarti è verissimo. A proposito, le tovaglie del pranzo di nozze...panna o avorio? E non buttarmi là una risposta tanto per farmi contenta che è una cosa seria.
    Comunque, come l'albero di Natale non l'hai mai fatto? Che tristezza...

    RispondiElimina
  19. Quel libro è splendido!!
    Che l'acqua che ci soffoca si prosciughi la vedo difficile, mi sa che dobbiamo accontentarci del salvagente...se arriva!
    :)

    RispondiElimina
  20. Mangiata! Accidenti, la volevi tu?
    Grazie...

    RispondiElimina
  21. potrei anche credere che non smonti mai l'albero, ovvio. Io non l'ho mai fatto e non lo faccio e non mi dispiace per niente ;)Ma sono contento per te..

    RispondiElimina
  22. Ovvio, si...
    Beh, credici pure...è vero! Ora, non immaginarti che io tenga un albero grande. Si tratta di un piccolo abetino, nemmeno 1/2 metro. Non è neppure addobbatissimo...giusto qualche lucetta.
    Guarda che è più strano non fare proprio l'albero che non smontarlo mai...

    RispondiElimina
  23. Il nanetto danzante vestito di rosso era davvero sexy, bisogna ammetterlo...
    Comunque la mia epigrafe sarà:
    " Non c'è foto perché mio cuggino ha detto che ti rubano l'anima, lo ggiuro!"
    Ottima scusa per uno fotogenico come il sottoscritto...

    RispondiElimina
  24. Il primo è tutto sommato realizzabile, ma non è molto poetico. Né igienico.

    RispondiElimina
  25. evviva la parita' dei sessi e dei polmoni

    RispondiElimina
  26. @ La Carta: Si, sexissimo.
    Accidenti, tuo cugino è proprio un uomo saggio!! Dovrai farmelo conoscere, un giorno o l'altro...

    RispondiElimina
  27. @ Ale: Ma il pavimento del cesso lo laviamo per bene, giuro...

    RispondiElimina
  28. @ alpexex: Lotto da una vita per la parità dei polmoni...ahahah...

    RispondiElimina
  29. Il nefrologo dice bene, ma dei dottori non mi son mai fidata troppo...

    RispondiElimina
  30. poco sarebbe gia' troppo ragazza, gia' di gran lunga troppo, si si. ma un nefrologo dovrebbe saper contare. se ti disse che son due, i reni, la parita' l'hai bella che raggiunta anche li'.

    RispondiElimina
  31. ps ma magari una palpatina di verifica dattela da te...

    RispondiElimina
  32. Dovrebbe saper contare, dici. Non lo so. Che, poi, contare so contare anche io! Quindi, verifico da me.
    Ok, vediamo...
    I miei reni sono...
    ...19!
    In perfetta salute, meno male. Peccato solo per la parità...

    RispondiElimina
  33. adesso non lo andare a dire al nefrologo, ma dispari e' meglio...

    RispondiElimina
  34. io farei risuscitare il mio coniglietto.
    eh sì.

    RispondiElimina
  35. I tuoi libri preferiti sono uguali ai miei. :)
    V.

    RispondiElimina
  36. @ alpexex: Bocca chiusa con il nefrologo, ci mancherebbe!

    RispondiElimina
  37. @ Vale: Se sapessi come si fa, ti aiuterei...

    RispondiElimina
  38. @ Storyteller: Davvero? Comunque, io il tuo nick lo adoro!!

    RispondiElimina
  39. ottimo. questa è la mia canzone preferita dei pearl jam. mi fa pensare a kafka.

    http://www.youtube.com/watch?v=Xdzq_wEaqHg

    RispondiElimina

Pace, amore ed empatia.